• Italia
  • Calabria
  • RC
  • Melito di Porto Salvo
  • 37°57′15.2″N
  • 250 m s.l.m.
  • UTC+1
  • Euro
  • Italiano

Popolari

Generali Informazioni Pentedattilo

Borgo tra i più caratteristici e suggestivi della Calabria. Pentedaktilos, dal greco cinque dita, proprio perché la roccia arenaria che sovrasta il borgo con i suoi pinnacoli, sembra una grande mano. La leggenda vuole che nel castello, nel 1680, per amore di una donna, ci fu la strage della famiglia degli Alberti, marchesi del posto. Ecco perché le torri di pietra rossa che sovrastano il paese potrebbero sembrare cinque dite di una mano insanguinata. Ricco di storia e di leggende grazie allo studio e al lavoro di volontari, sta recuperando il suo antico splendore. Pentadattilo è un labirinto di stradine e sentieri pieni di scorci interessanti, case di pietra con archi, ormai ridotto in una sorta di villaggio fantasma, dopo che i suoi abitanti si sono trasferiti nelle cittadine sorte lungo il litorale.

Percorso del Geosito
1) Chiesa della Candelora Sede dell’Infopoint del Geosito di Pentadattilo.
2) Affioramento Fillandico Rocce di basso grado che derivano da rocce sedimentarie argillose, di colore nerastro.
3) Il Borgo Antico Di origine greca incastonato nel palmo della rupe a forma di una mano gigante. Nel borgo si trova una casa dedicata al ‘Geosito di Pentedattilo’, all’interno interessante materiale informativo e preziosi filmati del posto.
4) Inizio Percorso di Osservazione delle Forme Erosive Rocce arenarie dal colore variabile. La tessitura è caratterizzata da ciottoli arrotondati. 5) Filladi lungo il Percorso Le rocce presentano bande quarzitiche e numerose lenti di quarzo.
6) Vista sulla Fiumara di Montebello La fiumara di carattere torrentizio tipico delle fiumare dell’Aspromonte , con portata considerevole durante l’inverno.
7) Fine del Percorso di Osservazione del Conglomerato e Forme Erosive La struttura dell Rupe è irregolare. I ciottoli rappresentano una pendenza verso ovest che testimonia la deposizione originaria. Ciò da spesso luogo a frastagliate forme di erosione.
8) Casolari di S.Antonio Insediamento che si incontra durante il percorso.
9) Filladi della zona nord Dopo piogge torrenziali, impregnate di acqua possono dare luogo a frane.
10) Vista sulla Fiumara di Annà Anche questa fiumara ha il carattere torrentizio tipico dell’Aspromonte orientale, alimentata da una serie di ruscelli. Proprio per questo motivo ha una portata di acqua irregolare, e i tratti che attraversano le città sono incanalati dentro alvei artificiali di cemento, infina l’acqua finisce in mare.
11) Punto di osservazione del rapporto stratigrafico Il punto di contatto è la superficie che separa due rocce diverse.